16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.24
Messina

l'esponente di Fi riaccende i riflettori sulla Me-Ct

Papatheu: “Sulla A18 si continua a morire, dov’è il Ministro Toninelli?”

6 Marzo 2019

La A18 è ormai l’autostrada della morte ma il Governo latita e il Ministro Toninelli è un fantasma che latita e ignora questa emergenza perché troppo affaccendato nella sua scellerata politica dei “No“”. Lo afferma la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu, che nelle scorse settimane ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla drammatica condizione della A18 e adesso torna all’attacco dell’Esecutivo nazionale dopo l’ennesimo tragico incidente sulla A18 Messina-Catania, che ha provocato a Giarre un morto e quattro feriti, tra cui tre fratellini, uno dei quali gravi. Papatheu lancia nuove bordate all’indirizzo di Danilo Toninelli, che in queste ore è nell’occhio del ciclone e rischia di essere silurato. Forza Italia ha presentato, infatti, al Senato una mozione di sfiducia proprio contro l’attuale ministro delle Infrastrutture.

Sulla A18 si susseguono ogni giorno pericoli e gravi incidenti, spesso mortali – spiega l’esponente siciliana del partito azzurro -, il Governo regionale sta cercando di fare la propria parte per porre rimedio alla vergognosa inerzia ereditata dal precedente Esecutivo di centrosinistra di Crocetta e ai disastri delle passate gestioni del Cas, e va certamente apprezzato l’impegno fattivo e concreto dell’assessore regionale Marco Falcone. Di questa emergenza invece non sembra preoccuparsi abbastanza il Ministro delle Infrastrutture, Toninelli, che ha deciso di adempiere al suo incarico soltanto per bloccare lo sviluppo del Paese e paralizzare l’economia e l’occupazione“.

Il Governo del (finto) cambiamento e Toninelli, che a pieno titolo va considerato uno dei ministri peggiori nella storia della Repubblica – aggiunge Papatheu -, ignorano o sconoscono l’urgenza di mettere in sicurezza una delle autostrade più trafficate d’Italia e lungo la quale si muovono i flussi del primo polo turistico della Sicilia e del Sud Italia. Il tempo degli stagisti al potere ad ogni modo sta finendo, presto gli italiani manderanno a casa il Governo degli incapaci”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.