23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 11.38

L'8 marzo con qualche curiosità

Perché la mimosa è il fiore simbolo della donna?

8 Marzo 2019

L’8 marzo si festeggia la donna, che dovrebbe esserlo, così come l’uomo, 365 giorni l’anno e non solo in questo. Noi abbiamo deciso di farlo raccontandovi la Mimosa, originaria dell’isola di Tasmania in Australia e importata in Europa all’inizio del XIX secolo, i cui fiori gialli, color del sole, vivaci e gioiosi, raggruppati in grappoli, sono diventati il simbolo della Giornata Internazionale della Donna perché incarnazione di forza e femminilità, innocenza e libertà, pudore e sensibilità. Il motivo per cui fu scelta è legato, anche, al suo crescere spontaneamente e, quindi, al suo essere economico che permette a tutti di comprarla e regalarla. La sua capacità di fiorire anche in terreni difficili, inoltre, viene associata alla resilienza delle donne, alla capacità di rialzarsi dopo ogni difficoltà, di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di autoripararsi dopo un danno. Insomma, la resilienza, la mimosa e la sua personificazione umana, la donna, sono il vero segreto della felicità. Già vedo gli amati uomini sorridere ironici per quest’ultima affermazione, ma vi stupiremo dedicandovi il cocktail mimosa che è un omaggio che vogliamo fare a voi, l’altra metà della mela. Per chi non amasse le mimose, ci sono altri fiori che hanno un bellissimo significato e vogliamo proporvi come opzioni:

  • La Gardenia, simbolo di sincerità. Acquistandola per la festa della donna aiuterete l’AISM, la ricerca contro sclerosi multipla.
  • L’Ortensia, anche con questo meraviglioso fiore, per la festa della donna, aiuterete l’AISM. Da regalare per rivelare il vostro amore o un ritorno di fiamma.
  • L’Azalea, da regalare a tutte le donne che sono anche mamme o che lo stanno per diventare, in quanto simboleggia femminilità e amore puro.
  • La Camelia bianca, da regalare a chi vogliamo far sapere che è “adorabile”.
  • La Dalia, scenografica e colorata, da regalare a donne raffinate e con molto buon gusto per cui proviamo grande ammirazione.
  • Il Giglio, se scegliete quello rosa date un chiaro messaggio perché il suo significato è quello di vanità, quindi attenti.
  • Il Girasole, che è come regalare un raggio di sole, allegria e vivacità. Simboleggia gratitudine, rispetto, ammirazione e desiderio legato al suo movimento che vuol significare che si ha l’esigenza di trascorrere del tempo con la persona amata.
  • La Magnolia che, con i suoi profumatissimi fiori, è simbolo di nobiltà.
  • La Margherita, simbolo di amore e, anche, di purezza e ingenuità.
  • L’Orchidea, romantica e delicata, rappresentante di amore e passione.
  • La Primula, fiore della primavera, regalarla vuol dire che la donna che lo riceve resterà, per voi, per sempre giovane grazie al suo splendido sorriso.
  • Il Tulipano, economico e colorato, perfetto a chi vuole dichiarare il proprio amore.
  • La Rosa, buona per ogni occasione, ma fate attenzione a scegliere il colore giusto.

mimosa

Adesso per far brindare uomini e donne, insieme appassionatamente, eccovi uno dei cocktail più famosi al mondo, il cocktail Mimosa, a cui abbiamo già accennato. La storia è suggestiva: in due città diverse, sono stati creati due drink con gli stessi ingredienti, ma con proporzioni differenti: il Buck’s Fizz, dal nome del club londinese che gli ha dato i natali nel lontano 1921 e il Mimosa vero e proprio, inventato da un barman del Ritz Hotel di Parigi nel 1925. Il suo nome  dipende dal colore giallo. Secondo gli americani questo è il drink perfetto per accompagnare il brunch della domenica, d’altronde essendo a base di arancia è perfetto per questi pasti a metà tra una ricca colazione e un pranzo; consigliato anche come aperitivo frizzante e per ogni occasione in cui volete far festa. La ricetta è veloce e facile, bastano solo 3 minuti. Non ci credete? Provare per credere, anzi per bere.

Ingredienti:

  • 7 cl di champagne o prosecco
  • 7 di cl di succo di succo d’arancia
  • scorza di arancia come decorazione

Procedimento:
1. In una  flûte versate il succo o la spremuta di arancia.

2. Aggiungete lentamente lo champagne e mescolate piano.

3. Decorate con scorza d’arancia.

Chiudo con una frase di Oscar Wilde: “Mi piacciono gli uomini che hanno futuro e le donne che hanno un passato“. Prosit.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.