25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14
Messina

Dal 27 al 29 luglio

Politica e cultura a Sant’Alessio (Me), torna “Magmatica: il network mediterraneo delle idee”

26 Luglio 2018

Giunta alla sua settima edizione, torna “Magmatica: il network mediterraneo delle idee“. Si svolgerà da venerdì 27 a domenica 29 luglio, il raduno annuale delle comunità identitarie e non conformi italiane.

Lo spirito, la terra, la stirpe”: nel nome di questi tre richiami elementari i promotori ospiteranno, all’interno del camping La Focetta sicula di Sant’Alessio (Me), il meglio della proposta culturale e politica italiana alla vigilia delle sfide che, al rientro dell’estate, attendono tanto il governo “Lega-stellato” quanto le diverse forze sovraniste che si stanno già preparando all’appuntamento determinante per il prossimo anno: il rinnovo del parlamento europeo di Bruxelles.

Magmatica 2018 intende mettere a confronto, in un rapporto di reciproco scambio, ‘domanda e offerta’ del cosiddetto fronte sovranista italiano” , spiegano gli organizzatori. “Questo – aggiungono – avverrà fra i tanti militanti che rappresentano il meglio della proposta sociale nelle città italiane e una nutrita schiera di neo-eletti che siedono in Parlamento in rappresentanza di un’idea differente d’Italia”.

Non solo, “Magmatica” si pone da sempre come un laboratorio attrezzato in termini di elaborazione: “Queste sfide politiche spiegano ancora – non possono non essere affrontate senza le giuste categorie socio-economiche e la comprensione del nuovo inquadramento geopolitico che vede l’emergere di nuove realtà, come i Paesi del blocco di Visegrad”.

Ecco perché le nostre giornate si contraddistinguono per gli incontri con studiosi e protagonisti della produzione culturale che si pongono all’avanguardia sulle frontiere della riscoperta dei popoli e della riaffermazione dell’antropologia naturale”.

Il programma della tre giorni è fittissimo. Si parte venerdì 27 alle 16,30, con “Giovani italiani a difesa dei confini: lo spirito identitario chiama ancora”. A cento anni dalla fine della Grande Guerra, una nuova generazione si spende nuovamente per riaffermare il senso sacro dei confini. Si confronteranno su questo Andrea Crippa (deputato Lega-Coordinatore federale Giovani leghisti), Lorenzo Fiato (Generazione identitaria), Francesco Chittari (Spazio libero Cervantes) ed Alberto Cardillo (assessore alla Cultura di Mascali-FdI).

Alle 19 spazio al confronto di natura geopolitica che è tutto un programma fin dal titolo: “Russia, Visegrad e Roma: sangue, suolo e sacro. La ricetta per abbattere Bruxelles con Adolfo Morganti (editore e scrittore), Guido Giraudo (giornalista) e Francesco Rizzo (Vento dello Stretto – Isole Eolie).

Alle 21,30, poi, spazio alla musica e allo spettacolo con “I canti della nostra Alternativa”, un viaggio sulle note “non conformi” dagli anni ‘60 ad oggi a cura dell’associazione Lorien.

Sabato 28 si inizia fin dalla mattina con la giornata più strettamente “politica”. Alle 12 due importanti presentazioni editoriali in contemporanea. Il tributo alla vicenda politica e professionale di un combattente e giornalista dell’inquieto ‘900: “Ather Capelli, la vita e gli scritti” con Pietro Zuccarello (Audaces – Palermo) insieme a Luca Bonanno (autore).

Accanto si parlerà di antimafia con “Lo Stato vero: da Mori a Borsellino“, a partire dal libro “Cesare Mori, con la mafia ai ferri corti“. Qui interverranno Riccardo Ronza (Tana dei Lupi – Vittoria), Francesco Paolo Ciulla (curatore) e Nunzio Lauretta (già docente di storia contemporanea presso Università di Palermo ed Enna).

Alle 16 si passa al dibattito economico e al nuovo paradigma che intende abbattere l’austerity. “Proprietà della moneta ed economia sovranista: così l’Europa diventa ‘giusta?’ ” . Diana Gerace (Oltre la linea – Messina) ne parlerà con Francesco Filini (autore di “Il segreto della moneta, verso la rivoluzione auritiana”) e Antonio Triolo (responsabile economico Movimento nazionale per la sovranità).

Alle 18,30, poi, uno degli appuntamenti più attesi. La tavola rotonda delle comunità con gli eletti e i i rappresentanti di Lega e Fratelli d’Italia e la sfida comune che attende partiti e movimenti a maggio del prossimo anno: “Sovranisti di governo, sovranisti di opposizione: obiettivo comune Bruxelles“. Qui Fernando Adonia (giornalista di Live Sicilia) interverrà a colloquio con Carlo Fidanza (deputato di FdI), Carolina Varchi (deputato FdI), Domenico Furgiuele (deputato Lega) e Fabio Cantarella (assessore al Comune di Catania – Lega). Chiude la giornata, alle 21,30, il concerto-evento del band romana InSeDiA.

Domenica 29 sarà dedicata alla difesa e alla promozione della stirpe. Alle 11 l’importante incontro “Famiglia ‘di sempre’ ultima chiamata” con Simone Pillon (senatore Lega e avvocato del Family Day) e Aldo Vitale (avvocato). Alle 13, infine, “Il Clan in cerchio: programmi, idee, progetti per un nuovo anno“, il confronto conclusivo con le comunità che animano Magmatica: Spazio Libero Cervantes – Catania, Tana dei Lupi – Vittoria, Audaces – Palermo, Oltre la Linea – Messina, NFP – Reggio Calabria, Generazione Identitaria, Gioventù Nazionale-Sicilia, Vento dello Stretto – Isole Eolie, Emisfero del Vento – Lylybeo – Marsala, Centro Studi Tradizione Partecipazione – Reggio Calabria, Identità Tradizionale – Catanzaro, Audere Semper – Pescara, Foro Sette Cinque Tre – Roma, Lealtà Azione – Milano.

Inoltre, durante la tre giorni di Magmatica 2018 sono previste tre mostre permanenti e spazi di diffusione libraria e musicale.

Le installazioni:

L’altro ‘68. La Primavera di Praga: lo Spirito si incarna nel Popolo” a cura di Audaces (Palermo).

Strage di Biscari e battaglia di Gela” a cura di Tana dei Lupi (Vittoria).

Reggio ’70: quando la lotta comunitaria diventa di popolo” a cura di Nfp (Reggio Calabria)

Spazio cultura:

Paper St., selezione libraria a cura di Alessandra Iacono.

Castrum, testi non conformi scelti dalla Comunità Audaces.

Edizioni Il Cerchio, oltre 35 anni di cultura europea.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.