21 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.42

Post su facebook del governatore

Ponte sullo Stretto, no del sottosegretario M5S. Musumeci: “Ha perso occasione per tacere”

17 Gennaio 2019

Guerra aperta sul Ponte sullo Stretto tra Nello Musumeci e il sottosegretario del Movimento 5 Stelle Michele Dell’Orco. Riassunto delle puntante precedenti: il Presidente della Regione aveva ribadito il carattere essenziale della grande opera, con il componente dell’esecutivo nazionale che aveva duramente replicato.

Il governatore della Sicilia Musumeci vuole posizione netta del Governo sul Ponte sullo Stretto? Eccola: No“, aveva twittato il componente dell’esecutivo nazionale. “Piuttosto – proseguiva Dell’Orco – pensi a infrastrutture fondamentali dell’isola, visto che il Governo sta facendo la sua parte con 2,8 miliard di nuovi investimenti ferroviari nel recente contratto Rfi-Mit

Non si è fatta attendere la controreplica di Musumeci, che ha duramente contestato la posizione del sottosegretario: “L’emiliano Dell’Orco, a nome del Governo nazionale, dice no al Ponte sullo Stretto. Ha perso un’occasione per tacere. Spero straparli a titolo personale – il duro esordio del post su Facebook di Musumeci – Qualcuno spieghi allo sprovveduto sottosegretario che la realizzazione delle mega infrastrutture (autostrade, strade e porti) nelle regioni spetta al Governo di Roma. Quanto alle ferrovie, si faccia portare il report sugli investimenti di Rfi degli ultimi dieci anni in Sicilia. E proverà vergogna“.

Alle infrastrutture secondarie stiamo pensando noi – dice ancora Musumeci –, con oltre 150 milioni di euro di interventi già progettati o appaltati solo nell’ultimo anno. Se i grillini non avessero dichiarato inutili le Province – conclude il governatore -, centinaia di strade starebbero meglio“.

L'emiliano Dell'Orco, a nome del Governo nazionale, dice no al #pontesulloStretto. Ha perso un'occasione per tacere….

Pubblicato da Nello Musumeci su Mercoledì 16 gennaio 2019

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.