14 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.48
Palermo

La premiazione all'Ecomuseo del Mare

Premio MigrArti: vince “Volver”. Dal prossimo anno sponsor privati per il progetto | FOTO

25 Novembre 2018
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto 

Si dice che ogni fine è un nuovo inizio e così sarà per il progetto MigrArti che ha proclamato vincitore della terza edizione, tra i cinque finalisti, l’associazione palermitana Babel Crew con lo spettacolo “Amunì 2.0 – Volver“, menzione speciale al progetto “Il Sigillo” dell’associazione Animali Celesti Tetaro d’Arte Civile.

Il progetto MigrArti continuerà, come ha detto durante la cerimonia Paolo Masini, ideatore e coordinatore del progetto: “L’edizione palermitana del Premio MigrArti sarà l’ultima così come lo abbiamo portato avanti in questi anni, poiché non verrà più finanziato dal Ministero. Siamo comunque in contatto con associazioni, organizzazioni e altre realtà per assicurare un futuro a questa Manifestazione che a nostro avviso arricchisce il patrimonio culturale nazionale”.

Anche il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Cultura Andrea Cusumano hanno manifestato la disponibilità delle istituzione locali al sostegno della continuità del progetto, anche sotto forma diversa.

Orlando

Bisogna cogliere il futuro – ha detto Orlando – domani non ci saranno più distinzioni di razze, la realtà vera è che ci si ostina ad essere ciechi, a non cogliere quella che è la realtà. Qualcuno coglie la paura, qualcuno il pericolo: dobbiamo levarci la benda e riconoscere che coloro che arrivano sono persone umane con straordinarie capacità umane, innovative e artistiche delle quali abbiamo bisogno in una Europa che sta morendo”.

La Giuria, composta da Paolo Masini, Alessandro Pontremoli e Mauro Valeri, ha voluto premiare Volver “per la sapienza drammaturgica che fonde in modo originale i processi laboratoriali in un lavoro compiuto; per il coinvolgimento pieno dei ragazzi di seconda generazione, guidati con profitto all’interno dell’esperienza teatrale; per l’efficacia dell’azione formativa attoriale e la compiutezza del prodotto artistico”.

Menzione speciale a Il Sigillo: “Che presenta una ricchezza di linguaggi artistici e mostra un percorso di teatro sociale esemplare, in grado di coinvolgere in un’azione etica ed artistica ad un tempo un gran numero di partecipanti con particolare attenzione ai ragazzi di seconda generazione”.

La premiazione si è conclusa con l’esibizione dei ragazzi delle scuole, di diverso ordine, coinvolti giorni precedenti nei laboratori musicali all’interno della sezione “Aspettando il Premio MigrArti“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.