19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

"ENGYON 2019"

Protezione Civile, mega esercitazione a Gangi: 120 volontari da tutta Italia | FOTO

20 Maggio 2019
'
'

 

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Il Comune di Gangi (PA) per cinque giorni – dal 13 al 18 maggio – è stata la base operativa di una mega esercitazione per la Tutela e salvaguardia del patrimonio culturale“, un importante evento, per la Sicilia, se si tiene conto che nell’isola si trova il 26% del patrimonio culturale italiano. Grazie alla collaborazione con la curia e la disponibilità del parroco don Pino Vacca i volontari hanno potuto esercitarsi simulando la messa in sicurezza dell’immenso patrimonio artistico custodito nelle chiese di Gangi.

All’esercitazione organizzata dall’Associazione Nazionale “Proteggere Insieme”, delle associazioni affiliate NOIS Gangi e NOIS Sant’Agata, Dipartimento regionale Protezione civile, Dipartimento Nazionale della Protezione Civile e Comune di Gangi, hanno preso parte ben 120 volontari provenienti da tutt’Italia.

All’appuntamento, una delle più importanti attività addestrative nazionali di protezione civile, con la sua giornata clou venerdì 17 maggio, hanno partecipato il capo del dipartimento della protezione civile nazionale Angelo Borrelli, Roberto Cerrato presidente nazionale di “Proteggere Insieme”, il direttore della protezione civile regionale Calogero Foti, a fare gli onori di casa il sindaco Francesco Migliazzo accompagnato dalla sua giunta e dal commissario Giovanni Impastato. Presenti all’evento anche l’assessore regionale Toto Cordaro e il deputato regionale Edy Tamajo.

Base dell’esercitazione l’area di protezione civile comunale sita in contrada Piano.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.