21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.23

Le parole della componente della giunta Musumeci

Province, l’assessore Grasso a Roma: “Stop al prelievo forzoso”

19 Marzo 2019

Durante l’audizione in commissione Bilancio alla Camera, ho esposto la grave situazione finanziaria in cui a oggi versano tutte le ex Province della Regione siciliana a causa del cosiddetto ‘prelievo forzoso‘ operato dallo Stato. Ho prodotto un elenco analitico e dati di dettaglio, predisposti dagli uffici regionali del dipartimento Autonomie locali ed economia e finanze, per dimostrare la sperequazione dovuta a tale prelievo, a cui non sono state associate, per la nostra Regione, adeguate forme di ristoro“. Lo dice l’assessore alla Funzione pubblica e agli Enti locali della Regione siciliana, Bernardette Grasso, sottolineando che per lo Stato “il disequilibrio 2018 delle ex Province siciliane ammonta a 54 milioni di euro, mentre per la Regione siciliana corrisponde a 96 milioni di euro“.

La differenza risiede nel fatto che lo Stato sottrae al taglio discendente dal comma 418 della legge 190/2014, pari a 197 milioni di euro, la riduzione della spesa del personale, che non si è applicata in Sicilia, e il minor taglio proveniente dal dl 66/2014, che però opera una sola volta -dice l’assessore Grasso- Inoltre, a fronte di tagli per 3.789,8 milioni di euro, le Regioni a statuto ordinario ricevono, per gli enti di area vasta, un ristoro pari a 1.660 milioni di euro, che equivale al 44 per cento. La Regione siciliana, su tagli per 340 milioni di euro, riceve un ristoro pari a 70 milioni di euro, equivalente solo al 23 per cento“.

Una disparità che secondo l’esponente della Giunta Musumeci comporta “gravi situazioni di disequilibrio e immobilizza e impoverisce le nostre ex Province, che non sono in grado di assolvere alle loro basilari  funzioni“.

Insieme all’onorevole Prestigiacomo – conclude l’assessore – abbiamo rappresentato la stringente necessità di trovare uno strumento di perequazione, come la sospensione del prelievo forzoso da parte dello Stato per gli Enti siciliani, di cui tratta il ddl condiviso insieme ai colleghi parlamentari nazionali di Forza Italia e presentato con primo firmatario l’onorevole Germanà. Parallelamente, sarà necessario procedere con la massima urgenza a una deroga normativa che permetta alle ex Province siciliane di chiudere i bilanci e, contestualmente, di sbloccare gli investimenti“.

Sulla questione si è espresso anche il vicepresidente della Regione Gaetano Armao: “La Regione si batte da mesi per eliminare questa assurda  discriminazione verso le province siciliane. Il governo nazionale deve fare  presto – ha affermato  Occorre intervenire sia sul piano normativo che su quello finanziario. Condivido – ha sottolineato Armao – quanto prospettato dal sottosegretario all’Economia, Alessio Villarosa, che ha sottolineato l’urgenza delle misure da  adottare per riequilibrare una situazione diventata insopportabile e che sta portando gli enti al dissesto con gravi difficoltà per i cittadini siciliani. Emergenza che, stamattina, l’assessore alla Funzione pubblica, Bernadette Grasso, ha ribadito in commissione Bilancio alla Camera.  Ogni livello istituzionale faccia la propria parte – ha concluso il  vicepresidente – Il governo Musumeci ha già dichiarato di essere pronto a farla, in linea con l’accordo stipulato con lo Stato nel dicembre scorso”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.