13 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 19.52

Racalmuto ricorda Pietro D’Asaro, il grande pittore dei Seicento

18 giugno 2017

La città di Racalmuto ricorda Pietro D’Asaro, il grande pittore del Seicento scomparso 370 anni fa.

Si terrà oggi, domenica 18 giugno alle 18 nella sala convegni della Fondazione Leonardo Sciascia, la Giornata di studi dal titolo “Pietro D’Asaro 1647-2017 / Conversazioni sull’arte in Sicilia intorno al Monoculus Racalmutensis”, iniziativa promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Racalmuto, in collaborazione con la Fondazione Sciascia e il Mu.Ra/Castello Chiaramontano.

Una conversazione tra studiosi incentrata sui temi della pittura in Sicilia nei secoli XVI e XVII focalizzerà l’attenzione su una figura emblematica del ‘600, quella di Pietro D’Asaro appunto, conosciuto come il “Monocolo di Racalmuto”.

I temi riguarderanno la sua formazione e i viaggi a Roma e nei centri italiani; gli aspetti dei suoi legami con la cultura figurativa tardo manierista e le suggestioni caravaggesche; la sua fortuna/sfortuna critica nella cultura estetica successiva alla sua epoca, sino alla celebre mostra del 1984 fortemente voluta da Leonardo Sciascia a Racalmuto, che ne segnò, una prima e fondamentale rivalutazione. A distanza di 33 anni da quell’importante rassegna, la giornata intende fornire al pubblico un’occasione per ripercorrere le tappe e la produzione di questo singolare pittore del Seicento siciliano.

L’evento, realizzato con il patrocinio dell’assessorato Beni Culturali e dell’Identità della Regione Siciliana, si terrà presso la Fondazione Sciascia di Racalmuto.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...