18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05
Messina

al castello gallego

Sant’Agata Militello diventa New Orleans con “I siciliani che inventarono il jazz”

14 Luglio 2019

Domenica 21 luglio, alle 20:30, il Castello Gallego di Sant’Agata Militello, diventerà New Orleans di fine ottocento. Grazie all’iniziativa “I siciliani che inventarono il jazz”, promossa dall’Associazione Musicale “G. Verdi” presieduta dal prof. Guido Schillaci e coordinata da Maria Grazia Gagliano e dal Direttore Artistico M. Antonio Artino Innaria sarà possibile assistere ad uno spettacolo originale. A Marina Romeo, il compito di raccontare una storia sconosciuta e accattivante: la sinergia tra musicisti siciliani e neri che consentì la nascita del genere musicale più rivoluzionario del novecento. “Mizzica questo è jazz!”, narra la storia di un’amicizia tra Tony Inn, un ragazzo siciliano emigrato in America nel 1910 e quella di Jim nipote di schiavi, “scaricatore di porto per necessità e musicista per vocazione” e il racconto struggente di una schiava che si salva grazie alla passione per la musica.

Ad affiancare Marina Romeo autrice del testo e regista, Giovanni Cascio e Franca Casaraona. Le parole degli attori saranno supportate da un’esecuzione dal vivo del “Nebrass Quintet” con Antonio Artino Innaria, Andrea Marino, Salvatore Immorlica, Salvatore Marinaro e Vincenzo Perez.

A seguire il concerto “Sotto il segno del jazz” con il Duo Manuela Ciunno&Seby Burgio (voce e Pianoforte) e special guest sul palco, StjepkoGut, trombettista tra i più noti al mondo, che regalerà alla platea brani classici jazz rivisitati dal suo estro artistico d’avanguardia.

La manifestazione è realizzata in collaborazione con la Pro Loco Agatirno di Sant’Agata Militello ed il Crossroad club di Capo d’Orlando e con il patrocinio dell’ARS e Comune di S. Agata Militello.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.