16 gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.33
In programma il prossimo 29 novembre

Sciopero lavoratori Ksm. La Cgil: “Porteremo vertenza nei tribunali”

14 novembre 2017

Da un lato Ksm avvia il licenziamento di decine di lavoratori, dopo aver dichiarato l’esubero di 524 dipendenti, dall’altro “sembrerebbe ricorrere allo straordinario stante l’impossibilità di coprire, con l’attuale organico, i servizi”. Un comportamento incomprensibile per la Filcams Cgil e la Fisascat Cisl, che hanno deciso di proclamare uno sciopero, in programma il prossimo 29 novembre, per protestare contro le scelte fatte dall’istituto di vigilanza di proprietà della famiglia Basile.

“Prosegue con modalità al quanto dubbie l’operato della Ksm”, dichiara Salvo Leonardi, segretario generale della Filcams Sicilia. “Graduatorie dei licenziabili anomale, uso sproporzionato di lavoro straordinario e una scarsa organizzazione del lavoro ci obbligano a proclamare la mobilitazione in tutta la Sicilia. Siamo determinati a portare la vertenza nelle aule dei tribunali”.

I lavoratori incroceranno le braccia dalle 9 alle 14 e si recheranno davanti la Prefettura di Palermo per un sit in e per essere ricevuti dal prefetto. Oltre al ricorso allo straordinario, per il quale le due organizzazioni hanno comunicato il blocco immediato, la vertenza è aggravata dalle presunte irregolarità segnalate dai lavoratori in merito alla formulazione della graduatoria da seguire per i licenziamenti. L’azienda, infatti, l’avrebbe stilata commettendo alcuni errori relativi all’attribuzione dei punteggi.

Inoltre, negli elenchi del personale in esubero, segnalano Filcams e Fisascat, risulterebbe inserito il personale che svolge i servizi fiduciari, non oggetto della suddetta procedura di licenziamento collettivo. Una situazione inaccettabile che inasprisce ancora di più lo scontro tra le parti che rischia di proseguire nei meandri della giustizia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Il Mercatino delle Idee Usate
Ho curiosità di vedere i nomi dei grandi statisti inseriti nei collegi bloccati. Quali sono queste persone d’indubbio spessore, contenuto e alta moralità di cui la patria non saprebbe fare a meno? Spiegatemi perché in questo paese dove non esiste la meritocrazia e perché dobbiamo essere sempre o “sudditi” o “tifosi”, ma mai “protagonisti”?
Blog di Rosario Gianni Leone
Liceo in quattro anni: i pro e i contro della sperimentazione
Lo scorso 29 dicembre, suscitando molte meno polemiche rispetto al momento della approvazione ministeriale dello scorso agosto, il Ministero dell'Istruzione ha pubblicato l'elenco delle scuole di II grado ammesse alla sperimentazione del liceo con un corso di soli quattro anni.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...