25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

VIII Atlante dell'infanzia a rischio "Lettera alla scuola"

Scuola, la Sicilia prima per tasso di abbandono scolastico: povertà e plessi inadeguati

14 Novembre 2017

La Sicilia ha un primato: è la prima regione in Italia per tasso di abbandono scolastico nelle scuole secondarie di primo grado. Per quanto riguarda le scuole secondarie di secondo grado, la nostra isola è terza, battuta da Sardegna e Campania.

Un triste primato che è stato rilevato nella stesura dell’VIII Atlante dell’infanzia a rischio “Lettera alla scuola” di Save the Children, pubblicato da Treccani e presentato in anteprima a Roma nei giorni scorsi.

Lo studio ha evidenziato altri dati statistici poco confortanti, per esempio che in Sicilia quasi un ragazzo su quattro ha lasciato precocemente la scuola, altro primato negativo.

La nostra regione ha un numero altissimo di minori in povertà relativa, ben il 42%, in un’Italia in cui le famiglie con minori in povertà assoluta in dieci anni sono quintuplicate e che si trova a fare i conti con gli effetti della recessione sulla motivazione dei giovanissimi e con una popolazione sempre più vecchia: oltre 165 anziani ogni 100 bambini; in Sicilia i picchi sono nella provincia di Messina con 177 anziani per 4 bambini, seguita da Enna e Trapani, che hanno quasi lo stesso rapporto numerico.

La povertà di certo aumenta il tasso di abbandono scolastico e ne condiziona il rendimento, con oltre 1 quindicenne su 4 bocciato in contesti socio-economici svantaggiati. Ma anche le scuole sono spesso inadeguate, con oltre 4 istituti su 10 (41,4%) che non sono dotati di laboratori a sufficienza (in Sicilia sono più della metà nelle province di Catania, Palermo e Ragusa, rispettivamente al 58,2%, 56,3% e 53,7%).

In questo contesto, alunni e studenti spesso non trovano nella scuola risposte idonee alle sfide dei nostri tempi.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.