11 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 21.06

Scusi è suo il Cane?

1 dicembre 2017

Carissimi,
ogni mattina nel mio “percorso di guerra” che mi porta al lavoro, penso a quel padre di famiglia di Bagdad al quale ogni notte gli Americani “portavano la democrazia” il quale affermava: “Ma scusate, vi avevo chiesto qualcosa?
Penso a un padre di famiglia abitante della via Crispi il quale certamente sarà insignito della medaglia d’oro al valor civile per aver sacrificato i suoi polmoni e il suo udito per il bene di “un’intera città” e penso di contro a Moustafà con i suoi baffoni che da solo seduto beato su una delle panche nella grande isola pedonale del centro può godersi la vendita globalizzata delle sue mercanzie.
Il padre di famiglia di via Crispi continuerà a chiedersi se il “sole 24h” nelle sue statistiche per stilare la classifica sulla qualità della vita abbia parlato anche con Moustafà del centro storico.

Questo “santo cristiano” al quale nessuno aveva chiesto nulla non si lamenta degli scavi per i cantieri, poiché sa che in qualche modo e in qualche data alla fine termineranno, non si lamenta della circostanza che un anello ferroviario sotterraneo gli permetterà di prendere il treno accanto all’ingresso del porto, se mai arriverà a godersi l’inaugurazione, non si lamenta della confusione di “lape, carrozze e City Sightseeing” per l’arrivo giornaliero delle grandi navi da crociera, ma continua a chiedersi: “perché?”

Immaginate adesso un grande politico stratega che decide di dedicarsi alla viabilità della città e forte della sua laurea in ingegneria e in architettura, esperto di urbanistica e di economia, con la sua matita rosso-blu, traccia un cerchio nella cartografia cittadina (non è un vero e proprio cerchio, poiché per conoscere il cerchio bisogna ricordarsi di chi fu Giotto e noi sostituimmo Giotto con John Lennon, a meno che il termine cerchio non venga utilizzato solamente per indicare quel “perimetro magico”).
Costui, guardata questa zona perimetrata da mura invisibili afferma compiaciuto: “Questa sarà un’isola pedonale. Questa sarà un’isola felice. Qui la qualità dell’aria sarà fantastica, non vi saranno polveri sottili nell’area (sempre che il vento ci assista), qui transiteranno soltanto biciclette e fuori da tutto ciò scriveremo ic sunt leones”.

Mi pare fantastico se a differenza di Moustafà e il suo kebab o di chi acquista una casa lungo quegli assi e potrà farsi la passeggiata serale come si fa nel corso principale del paese, fuori da quelle mura ideali, il “leones” sono io e centinaia di migliaia di palermitani i quali in buona parte non hanno interesse a mettere piede al centro storico ma ne rimangono comunque condizionati nella loro giornata da scelte non coordinate che non tengono conto del disagio contingente mirando soltanto ad una visione futuribile che in pochi hanno chiara.

Personalmente prendo le distanze da alcune posizioni politiche sull’argomento poiché non sarò mai contrario ad un ammodernamento e pertanto alla realizzazione delle grandi infrastrutture cittadine, ma in questa programmazione dell’oggi e della quotidianità vedo l’assenza di un sistema città e dire che le autorità cittadine, accademiche, culturali impegnano il loro tempo nell’organizzazione di convegni per discutere se “9 x 9 fa ancora 81”. Basterebbe consultarsi in fase preliminare e non a fatto compiuto, basterebbe parlarsi, ascoltarsi e poi operare con ordinanze.

In conclusione avete dubbi sul fatto che se un grosso centro storico rimane chiuso, chi esercita ancora la libertà e il diritto di utilizzare la propria auto o moto (in attesa che una visione futuribile di questa città contenga mezzi pubblici all’altezza delle esigenze) tutto il traffico, oltre a quello ordinario, dovrà riversarsi nel perimetro circostante? Chi si è mai posto il pensiero di controllare l’inquinamento dell’aria e acustico in questi assi (certamente triplicato) e come può questo non riversarsi nella limitrofa area pedonale? Chi si è mai posto il pensiero che lavori che rendono parzialmente fruibili o inutilizzabili gli assi alternativi non sono facilmente compatibili con la contemporanea chiusura di giorno dell’isola pedonale? Perché i cortei e concentramenti degli stessi non sono autorizzati solo all’interno del perimetro pedonalizzato? Perché negli assi resi fruibili continuano ad esserci le doppie e triple file? Non c’è bisogno di una laurea in ingegneria!
Quanto sopra sa di dispetto per il cittadino e non fa che allontanare il concetto di cosa pubblica dall’uomo comune che sa bene che le infrastrutture e le chiusure al traffico si fanno in ogni città, ma la qualità della vita è determinata dall’intelligenza di chi nel frattempo prende misure straordinarie e alternative che arrechino il minor disagio alla popolazione. Nell’attesa che anche questa città diventerà bellissima nel frattempo, riempirò i miei polmoni in via Crispi sulla motocicletta e forse uno di questi sabati, “la sera”, andrò da Moustafà ad assaggiare il suo kebab.

Un Abbraccio Epruno

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...