21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.15

l'affondo del sindaco di palermo

Sea Watch, la tesi di Orlando: “Il governo insulta il diritto”

26 Giugno 2019

“Il governo nazionale, con la maschera del ministro dell’Interno e con l’approccio disumano che vuole criminalizzare chi salva vite umane in mare, agisce in spregio ed è ormai esso stesso un insulto alla storia, alla cultura e al diritto dell’Italia e degli Italiani”. Così sui social il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, commentando la situazione della nave Sea-Watch che ha forzato un blocco navale per approdare a Lampedusa con a bordo 42 migranti.

L’unico attracco possibile, viste le dimensioni dell’imbarcazione, è il molo commerciale ed è previsto per le 20,30 del 26 giugno. Non è escluso che i 42 migranti a bordo vengano prima trasferiti sulle motovedette della Capitaneria e portati a terra.

Il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, tra le altre cose, ha affermato che la Sea Watch “ha commesso due reati: il primo entrando in acque italiane andando contro il provvedimento firmato da me e dai miei colleghi Trenta e Toninelli che negava il transito alla nave; il secondo con il rifiuto a fermarsi all’alt intimato dalla Guardia di finanza. E’ come se uno non si fermasse davanti ad un blocco stradale; in questo caso viene subito arrestato. Mi auguro che chi di dovere intervenga su questi fuorilegge”. 

 

LEGGI ANCHE:

La “Sea watch” entra in acque italiane, Salvini: “Schiero la forza pubblica”

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.