25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Le reazioni all'annuncio del segretario del movimento Picciolo

“Sicilia futura” dice addio al Pd e Micciché plaude: “I Dem hanno deluso i moderati”

16 Aprile 2019

Giuseppe Picciolo di Sicilia Futura ufficializza il divorzio dal Partito Democratico e le reazioni non si fanno attendere.

A Messina, oggi il segretario siciliano di Sicilia Futura Giuseppe Picciolo è stato durissimo con il Pd: “Il Partito democratico – ha evidenziato Picciolo – sembra mettere davvero in discussione l’identità moderata, pluralista e liberale che Sicilia Futura aveva condiviso. Sicilia Futura  è stata sempre più esclusa dai nuovi processi politici, nonostante l’impegno profuso per le Politiche, situazione aggravata dalle successive emarginazioni e mortificazioni patite. In verità non abbiamo capito cosa voglia fare il Pd siciliano in futuro, mentre oggi appare troppo confuso nelle istituzioni e sul territorio”.

Le ultime prese di posizione di Sicilia Futura in veste di alleato del Partito democratico risalgono, invece, alla vigilia delle primarie regionali dei Dem, quando Picciolo aveva difeso Davide Faraone dagli attacchi dell’altra candidata, poi ritiratasi, alla guida del Pd siciliano, Teresa Piccione.

A commentare la decisione del partito fondato da Totò Cardinale è il Presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, che è anche commissario regionale di Forza Italia.

Il disagio di Sicilia Futura è comune a tutte quelle formazioni politiche che nel Pd hanno ricercato invano un punto di riferimento, aperto alle forze moderate e alle istanze territoriali – afferma Miccichè – Il Pd oggi si sposta ancora una volta a sinistra, lasciando orfani tutti i moderati che Renzi aveva aggregato attorno al suo nome. Forza Italia resta l’unica vera casa dei moderati e dei liberali italiani, l’unica forza aggregatrice delle istanze territoriali, e oggi ancor di più – conclude – l’unico credibile contraltare alle politiche demagogiche dei Cinque stelle e alle derive populiste della Lega di Salvini”.

 

Messina, riunione al vertice di Sicilia Futura: “Un nuovo inizio in chiave meridionalista”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.