25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Le dichiarazioni dei due consiglieri comunali

Sicilia, Gelarda e Ficarra (Lega): “La selezione dei navigator secondo le indicazioni del Governo nazionale”

16 Febbraio 2019

La Lega nella questione riguardante la figura dei navigator, intende portare avanti quanto stabilito dal governo nazionale, nel rispetto di procedure selettive, su cui non possiamo e non dobbiamo interferire“, ad affermarlo il capogruppo della Lega al comune di Palermo, Igor Gelarda al comune di Palermo, e dal vice capogruppo Elio Ficarra.

Pur comprendendo – proseguono – le difficoltà sociali ed economiche di questa categoria, non ci sembra che la questione degli ex sportellisti possa risolversi in maniera definitiva per tutti in questo modo”.

Innanzitutto, perché in Sicilia, così come sostenuto dall’assessorato del Lavoro con a capo Mariella Ippolito, questi precari sono all’incirca 1.700, un numero ben superiore rispetto ai 385 mancante nei centri per l’impiego; in secondo luogo, per un atto di giustizia, di equità e pari opportunità; noi della lega non vogliamo negare l’opportunità a quanti sono in cerca di occupazione e che abbiano i titoli per farlo. Pertanto, auspico che nella prossima Conferenza Stato –Regioni, venga stabilito che, pure in Sicilia, la selezione de i 4000 navigator (6.000 saranno assunti dall’Anpal) avvenga così come indicato dal governo nazionale ,ovvero nel rispetto di procedure selettive, su cui non possiamo e non dobbiamo interferire” hanno concluso i due consiglieri.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.