25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Migliaia di dipendenti in attesa

Sicilia, pagamenti bloccati per i regionali. Sindacati sul piede di guerra

15 Giugno 2018

Bloccati i pagamenti del salario accessorio per 14 mila regionali. Tra le cause dei ritardi anche la mancata trasmissione degli atti da parte di alcuni uffici all’Oiv, l’organismo di valutazione per la definizione delle procedure. I sindacati autonomi Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl-Fna hanno incontrato alla Funzione pubblica la dirigente generale Rosalia Pipia chiedendo di monitorare continuamente l’iter e di rappresentare al governo regionale e ai dirigenti la richiesta dei sindacati di velocizzare le procedure, dal momento che questi ritardi avranno refluenze negative anche sulle procedure del Famp 2018.

Auspichiamo un autorevole intervento da parte del presidente della Regione, Nello Musumeci – dicono i sindacati – che consenta di evitare l’inasprirsi della vertenza che vede la politica assente. Questo rappresenta un inaccettabile segnale di disinteresse verso la vita dei propri lavoratori che ogni giorno portano avanti l’amministrazione e hanno il diritto di vedere pagate le prestazioni effettuate secondo le regole contrattuali”.

Gli autonomi hanno anche annunciato la richiesta al presidente della Regione dell’istituzione di un tavolo di monitoraggio in cui coinvolgere tutti i soggetti interessati per valutare gli sviluppi dei procedimenti ed eventualmente stralciare situazioni che richiedono approfondimenti per consentire la liquidazione delle somme dovute a tutti i lavoratori. Cobas-Codir, Sadirs, Siad e Ugl, in una nota a firma di Marcello Minio e Dario Matranga, Fulvio Pantano e Franco Madonia, Angelo Lo Curto e Vincenzo Bustinto ed Ernesto Lo Verso hanno annunciato che in mancanza di idonee attività da parte del governo regionale si vedranno costretti ad attivareogni azione utile al recupero delle somme dovute anche attraverso formali atti giudiziari.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.