25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.14

Il Sadirs: ora accelerare i pagamenti

Sicilia: sbloccato il bonus per 14 mila dipendenti regionali

21 Settembre 2018

Buone notizie per l’esercito dei dipendenti della Regione Siciliana. Con molto ritardo la giunta guidata da Nello Musumeci ha approvato il provvedimento con il quale autorizza l’erogazione del salario accessorio. Un bonus che va dai 500 a circa 1.000 euro in base alla qualifica. Questo non vuol dire che tale somma sarà accreditata già nel prossimo stipendio.

La procedura, infatti, prevede un ultimo passaggio da parte dell’Oiv, l’Organismo di valutazione che dovrà esprimere a sua volta il proprio parere prima che la Funzione pubblica possa dare mandato per i pagamenti. Lo comunica il Sadirs guidato da Fulvio Pantano che chiede “di accelerare un iter ormai atteso da troppo tempo dai lavoratori. Monitoreremo costantemente la situazione per evitare ulteriori ritardi”.

Secondo le previsioni e gli auspici l’iter dovrebbe concludersi entro ottobre. Sebbene si tratti di piccole cifre, per il Sadirs rappresentano comunque un’importante boccata d’ossigeno, in un momento così difficile per una categoria che non ha un rinnovo contrattuale da più di dieci anni, tra l’altro, aggiunge, “per prestazioni già effettuate e ampiamente maturate”. A tal proposito prosegue parallelamente la trattativa con l’Aran Sicilia, Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni.

Tanti i punti della trattativa affrontati nell’incontro del 14 settembre scorso: riclassificazione del personale, percorsi di carriera, funzionari direttivi, Famp (Fondo di amministrazione per il miglioramento delle prestazioni).

Un percorso che sconta ritardi notevoli e che pertanto ha spinto le organizzazioni sindacali a chiedere una tabella di marcia perentoria per recuperare il tempo perduto. Tuttavia il segretario Pantano si è detto fiducioso. “Ci avviciniamo con ottimismo – ha spiegato – ai futuri incontri che dovrebbero avvenire, così come detto dal presidente Gallo, nel più breve tempo possibile. Abbiamo ribadito serve chiarezza sul rinnovo contrattuale, giuridico ed economico. Bisogna anche fare attenzione al problema relativo alla riclassificazione e ai percorsi di carriera per il personale tutto, a partire dalle categorie più basse. Altra attenzione andrà dedicata alla questione dei colleghi funzionari direttivi delusi dalla cancellazione della legge che gli ha precluso di passare al livello economicamente superiore”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.