11 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 21.06
Palermo Il debutto stasera

Simone Cristicchi ritorna a Palermo con “Il secondo figlio di Dio” [Fotogallery]

17 novembre 2017
'
'
'
'
'
'

La nuova stagione del Teatro Biondo di Palermo (sala Grande) si apre stasera, ore 21, con Simone Cristicchi autore, insieme a Manfredi Rutelli, e interprete dello spettacolo “Il secondo figlio di Dio – Vita, morte e miracoli di David Lazzaretti“.

Il secondo figlio di Dio è ispirato alla vicenda incredibile, ma realmente accaduta, di David Lazzaretti, detto “Il Cristo dell’Amiata”: in cima a una montagna, davanti a una folla adorante di quattro mila persone, un uomo si proclama la reincarnazione di Gesù Cristo. È il luglio del 1878. L’inizio di una rivoluzione possibile, che avrebbe potuto cambiare il corso della storia.

Tra canzoni inedite e narrazione, il protagonista ricostruisce la parabola di Lazzaretti, da figlio di carrettiere a predicatore eretico con migliaia di seguaci; racconta il suo sogno, rivoluzionario per i tempi, culminato nella realizzazione della “Società delle Famiglie Cristiane”, una società più giusta, fondata sull’istruzione, la solidarietà e l’uguaglianza. Un proto-socialismo che sposa i principi del Vangelo delle origini, citato e studiato anche da Gramsci, Tolstoj e Padre Balducci.

Il “cantattore” Cristicchi racconta l’ultimo eretico Lazzaretti e un piccolo lembo di Toscana (Arcidosso e la Maremma grossetana), che diventa lo scenario di una domanda più grande, universale, che riguarda ognuno di noi: la possibilità di fondare una società nuova, più solidale, etica e giusta.

Quella terra così aspra e bella, che abitua i suoi figli alla durezza del lavoro ma anche all’idea di cooperazione, dove la natura sembra quasi resistere alla trasformazione in paesaggio, quella terra è certamente la coprotagonista nel racconto della straordinaria vicenda di David Lazzaretti. La storia di un’idea. La storia di un sogno.

Cristicchi è anche autore delle musiche, scritte insieme a Valter Sivilotti ed eseguite (in registrazione) da Marco Bianchi (chitarre e live looping), Andrea Musto (violoncello), Francesco Tirelli (percussioni), Sebastiano Zorza (fisarmonica) con il Coro Ensemble Magnificat di Caravaggio diretto da Massimo Grechi; le scene e i costumi sono di Domenico Franchi, le luci di Cesare Agoni.

Lo spettacolo è prodotto dal Centro Teatrale Bresciano e da Promo Music con la collaborazione di Mittelfest e Dueffel Music e diretto da Antonio Calenda.

Repliche fino a domenica 26 novembre.

 

  • foto di scena di Tommaso Le Pera
Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...