19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.35

Lo ha disposto il Gup Graziella Luparello

Sistema Montante, Regione Siciliana parte civile: risarcimento di 70 mila euro

11 Maggio 2019

C’è anche l’amministrazione della Polizia dello Stato tra i destinatari di una “riparazione pecuniaria” nel dispositivo della sentenza del processo sul cosiddetto ‘sistema Montante‘ celebrato col rito abbreviato a Caltanissetta.

Lo ha disposto il Gup Graziella Luparello condannando il sostituto commissario capo Marco De Angelis a quattro anni di reclusione, (contro i 6 anni e 11 mesi chiesti dalla Procura) riconoscendogli le circostanze attenuanti generiche, e a pagare un risarcimento al Viminale di 10mila euro.

Il Gup Luparello, inoltre, ha disposto in favore della Regione Siciliana, che era parte civile, un risarcimento di 70 mila euro (e non di 5mila come erroneamente scritto).

Il procedimento è nato dalle indagini su Antonello Montante, l’ex presidente di Sicindustria condannato a 14 anni di reclusione per associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. Secondo l’accusa sarebbe stato al centro del cosiddetto “sistema Montante” una rete spionistica utilizzata per salvaguardare se stesso e colpire gli avversari. La Procura aveva chiesto la condanna a 10 anni e 6 mesi di reclusione.

Nel dispositivo il Gup Luparello ha disposto anche “la trasmissione degli atti” alla Procura di Caltanissetta per “le valutazioni di competenza nei confronti di Lucia Basso, Pietro Cuzzola, Valerio Blengini e Mario Parente“, senza indicare le motivazioni.

Il giudice ha sospeso i termini di custodia cautelare durante il tempo necessario per la stesura delle motivazioni della sentenza, indicando il termine di 90 giorni per il suo deposito.

 

LEGGI ANCHE:

Talpe, spionaggio e corruzione: condannato a 14 anni il “paladino antimafia” Montante

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.