24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.12
Palermo

Le reazioni indignate sul web

“Sono sul lastrico”, il genero di Riina lancia colletta su Facebook

26 Ottobre 2017

“Ciao a tutti, purtroppo devo chiedere aiuto a tutti quelli che possono darmi una mano, vi prometto che appena mi rimetto in sesto con il lavoro restituirò tutto a tutti o faremo beneficenza per altri bisognosi”. Con queste poche righe, Antonino ‘Tony’ Ciavarello, genero di Totò Riina e marito di Maria Concetta, una delle figlie del boss di Corleone, chiede disperatamente aiuto in quanto ridotto sul lastrico.

L’uomo ha deciso di lanciare una colletta online. “Sono in una condizione disastrosa – scrive il genero di Riina – mi hanno sequestrato tutto e non ho più neanche un lavoro visto che si sono presi la mia ditta”. Su Facebook Ciavarello ha rilanciato la petizione dove chiede aiuto. “Chi può mi aiuti, ho tre bambini, cerco lavoro ma nessuno me ne da – denuncia – per favore datemi una mano Grazie e che Dio vi Benedica”.

Il genero di Riina, che su Facebook si descrive come un “martire perseguitato dalla procura di Palermo dal 25 aprile del ’94, giorno in cui mi sono fidanzato con mia moglie” non è l’unico in famiglia ad aver lamentato problemi economici. Qualche mese fa la figlia più piccola di Riina, Lucia, si era sfogata per il bonus bebè che le era stato negato dal comune di Corleone.

Non mancano i commenti di sdegno nei confronti di questa iniziativa: «Egregio signore – scrive una donna – non le nascondo che sono sconvolta dalla la sua sfrontatezza; le consiglio di dire a sua moglie di convincere, insieme alla mamma, il papà a raccontare al popolo italiano con chi ha fatto accordi dei pezzi dello Stato per far fuori le persone oneste che ha ammazzato. Prima di morire ce lo dica e noi italiani onesti vi aiuteremo sia a lei che alla sua famiglia».

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.