22 febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 09.52

Pappalardo: "felici di avere iniziato con il piede giusto"

Sport: assessore Pappalardo incontra D’Antoni (Coni) per rilancio strutture

5 dicembre 2017

L’assessore al Turismo, sport e spettacolo della Regione Siciliana, Sandro Pappalardo, ha incontrato stamattina nei locali dell’assessorato di Via Notarbartolo il presidente regionale del Coni Sergio D’Antoni per discutere sulle problematiche di settore più importanti e di maggior rilievo dello sport siciliano.

Pappalardo si è dichiarato soddisfatto dell’incontro istituzionale avuto e ha sottolineato la volontà di collaborazione con una delle più importanti istituzioni del mondo dello sport: “Abbiamo attivato un’interlocuzione attenta sui problemi e sulle esigenze dell’Isola nello sport. Siamo felici di avere iniziato con il piede giusto il nostro lavoro partendo da una delle rappresentanze maggiormente qualificate a parlare di sport in Sicilia. Le politiche di rilancio sportive non possono prescindere dal rilancio delle strutture e degli impianti nei territori e da scelte mirate che non si possono più differire”.

Al centro della riunione in particolare, a cui ha preso parte anche Manlio Messina, dello staff dell’assessore al Turismo, si è posta una particolare attenzione ai temi dell’impiantistica sportiva siciliana da riconsiderare anche attraverso un efficace monitoraggio dello attuale stato, utilizzando al meglio i fondi regionali e statali, ma anche al problema dei collegamenti per le società sportive che partecipano ai massimi tornei nazionali e per i quali, i costi delle trasferte sono diventati nel tempo particolarmente onerosi.

È stato citato l’esempio della società dei Warriors di Paternò che prende parte al campionato di serie A1 di baseball che è costretta a nove trasferte, cinque in Lombardia e quattro in Friuli, per disputare le partire del proprio torneo.

Tag:
Rosso di sera di Elio Sanfilippo
Ricordo di Bettino Craxi
L’anniversario della scomparsa di Bettino Craxi, avvenuto la scorsa settimana, non ha avuto alcun momento significativo nel ricordare una personalità rilevante che, senza nascondere errori e contraddizioni, fu protagonista importante dell’ultima fase di quella che viene definita comunemente la Prima Repubblica, segnata, peraltro, da avvenimenti drammatici.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...