15 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.31
Palermo

le segnalazioni dell'associazione comitati civici

Strade e piazze abbandonate a Palermo: una città in balia del degrado | Foto

2 Giugno 2019
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'
'

Scorri le foto in alto

Per un motivo o per un altro purtroppo si continua a parlare del degrado a Palermo. Diverse le segnalazioni che provengono dall’associazione comitati civici Palermo che raccoglie giornalmente le lamentale dei residenti dei diversi quartieri della città, dal centro alle periferie, documentandole con foto e video.

Tra le varie segnalazioni, quella che riguarda le condizioni in cui versa il parcheggio dell’Ospedale Civico, a cui si accede da via Parlavecchio, nella zona del cimitero di sant’Orsola: “La cosa che si nota subito è il contrasto fra i vialetti puliti dell’ospedale e la sporcizia che ricopre l’intera area del parcheggio. La circostanza che si tratta di un servizio reso a fronte di un compenso, e che la gestione dello stesso derivi da appalto (o concessione, questo non lo sappiamo), non esonera da responsabilità chi deve garantire il decoro e la pulizia di un luogo dove l’igiene deve essere un imperativo categorico” – scrivono dall’associazione – Tanto segnaliamo nella certezza che saranno adottati gli opportuni provvedimenti per ripristinare le condizioni igieniche adeguate alla struttura sanitaria nelle cui adiacenze  sorge il parcheggio“.

Passando al centro di Palermo, nel cuore della città, i portici di piazzale Ungheria hanno subito in parte uno sfondellamento del solaio “Pertanto – chiede l’associazione comitati civici Palermo – nell’ambito delle precipue competenze e responsabilità, di porre in essere ogni provvedimento volto a garantire la sicurezza e l’incolumità dei cittadini“.

Rimanendo sempre nel Centro di Palermo non si può non notare la qualità pessima dei lavori eseguiti per la riparazione del basolato di vicolo del teatro Bellini, “Ci chiediamo – dicono dall’associazione – con quale criterio e con quale coraggio sia stato utilizzato l’asfalto a freddo, tra l’altro senza batterlo, con il presumibile scopo di eliminare il dislivello fra le basole. Queste “balate” risalgono almeno a 500 anni fa. Non è per nulla accettabile che si esegua questo tipo di intervento, che deturpa in modo vergognoso un angolo storico della nostra città, che adesso appare come listato a lutto, proprio come il decoro della nostra disgraziata Palermo. Chiediamo che lavori del genere vengano eseguiti da maestranze specializzate, per non sfregiare ulteriormente il volto antico della città“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.