15 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 08.40
Ragusa

ECCO LE REAZIONI

Strage di Vittoria, il mondo politico chiede pene severe per l’omicida

14 Luglio 2019

Continua a tenere banco la tragedia di Vittoria, che ha visto la morte dei piccoli Alessio e Simone, cuginetti rispettivamente di 11 e 12 anni, uccisi dal pregiudicato Rosario Greco (nella foto in basso), che li ha falciati con il suo suv dopo avere assunto droga e alcool.

Sono  tante le reazioni sul fronte politico, a cominciare da quella del ministro degli Interni, nonché leader della Lega, Matteo Salvini, il quale sulla sua pagina Facebook ha scritto: “Galera, per anni e senza sconti, per chi ha ucciso questi due piccoli angeli. Speriamo…“.

Sulla vicenda si è espressa anche la leader di Fratelli d’Italia , Giorgia Meloni, che ai microfoni dei giornalisti ha dichiarato: “Dopo tre giorni di agonia all’ospedale di Messina, anche Simone non ce l’ha fatta. Una notizia terribile che arriva proprio mentre a Vittoria si celebrano i funerali del cuginetto Alessio. Al cordoglio si aggiunge la rabbia per un crimine indescrivibile. Fratelli d’Italia chiede che la giustizia sia implacabile e punisca, senza sconti, i responsabili di questo abominio. E lo Stato faccia sentire forte la sua presenza e aiuti questo territorio difficile a liberarsi dalla morsa di delinquenti e mafiosi“.

La politica chiede in coro una pena esemplare per l’autore del fatto. Di questo avviso è anche Luigi Di Maio, ministro dello sviluppo economico e leader del Movimento 5 Stelle: “Oggi se n’e’ andato in cielo anche il piccolo Simone, dopo piu’ di due giorni di agonia. Ha raggiunto il suo cuginetto, Alessio. Due giovani vite violentemente spezzate da un criminale. E’ cosi’ grande la rabbia che viene da dire che per uno cosi’ non basta nemmeno il carcere. Sei un essere inumano se investi due bambini in quel modo. Poi fuggi e non presti soccorso. Mi viene la pelle d’oca solo a pensarlo. Abbraccio forte le famiglie di Simone e Alessio, per quel che serva, in questo momento di estremo dolore e solitudine, che getta ognuno di noi nello sconforto e nella tristezza“.

Infine si registra la dichiarazione del vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli: “Dopo Alessio piangiamo anche il povero Simone, deceduto dopo tre giorno di agonia. Una preghiera per questo angelo volato in cielo per colpa di un criminale che ora deve pagare fino in fondo per questo duplice omicidio. Senza stradale, duplice omicidio“.

LEGGI ANCHE:

Bambini investiti dal suv a Vittoria: morto anche il piccolo Simone

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Non aprite quella pentola…

Vi sono diverse variabili che interferiscono con la comunicazione fra individui. Il livello di intimità raggiunto e il linguaggio del rifiuto utilizzato possono contribuire alla percezione distorta dei fatti e alla creazione di pregiudizi ed equivoci. Tutto dà voce a quei pensieri che sono fuori dalla consapevolezza.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.