21 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.50
Palermo

Da lunedì 6 novembre una mostra sul teatro dell'Opera

Teatro, l’Opera dei Pupi di Mimmo Cuticchio sbarca al Quirinale

3 Novembre 2017

 Si inaugura  lunedì 6 novembre alle 17:30, la mostra curata da Mimmo Cuticchio, attore e “cuntista”, erede di una delle famiglie storiche di “opranti”.

La mostra espone i pupi della tradizione siciliana – da Orlando a Rinaldo alla Bella Angelica, fino al traditore Gano di Magonza – e tutto ciò che serve all’allestimento degli spettacoli che un tempo avvenivano nelle piazze dei paesi dell’isola. Un riconoscimento di grande prestigio per Cuticchio, orgoglioso di varcare il portone del Palazzo presidenziale.

Ho portato l’Opera dei Pupi in tutto il mondo – racconta – in Australia come negli Usa e in tutta Europa, ma qui l’emozione è grandissima“.

Sono cinque le stanze del Quirinale che ospiteranno la mostra: “Abbiamo portato – spiega il curatore – una ricostruzione delle porte di Palermo, Porta Felice e Porta Nuova, che segnano i confini di un’attività e di un sogno. Sono qui con i miei collaboratori e l’entusiasmo è alle stelle“.

Quello di Cuticchio al Quirinale è un ritorno, il primo ottobre scorso ha infatti messo in scena, nel salone del trono, “La rotta di Roncisvalle”, con le musiche del figlio Giacomo.

Uno spettacolo al quale ha assistito anche il presidente Sergio Mattarella: “Lo avevo conosciuto in occasione del documentario sul fratello Piersanti, a cui avevo preso parte, e da lì in poi la stima reciproca è cresciuta fino a dar vita a questa esperienza che per me sarà indimenticabile“. Mimmo Cuticchio, che la primavera prossima compirà 70 anni, si può dire che è nato sul palcoscenico, fin da bambino ha infatti aiutato il padre Giacomo nel suo teatrino. “Papa fu fatto cavaliere – ricorda – io però sono un paladino, orgoglioso di entrare nella casa del presidente degli italiani“.

L’unico cruccio per un grande attore come Mimmo, che nella sua lunga attività artistica ha ottenuto tanti riconoscimenti, è il rischio che la tradizione dell’opera dei pupi, riconosciuta dall’Unesco come Patrimonio orale e immateriale dell’umanità, vada dispersa. “La Sicilia – sottolinea – merita di poter conservare un’arte e un mestiere come il mio“.

Nell’isola sono infatti rimaste solo due famiglie, i Napoli a Catania e i Cuticchio a Palermo, che non si sono mai arrese neanche di fronte alla crisi degli anni ottanta che ha portato alla chiusura di quasi tutti i teatri siciliani. Ma Cuticchio esorta anche la Regione siciliana, alla vigilia delle elezioni che si terranno domenica, a fare la sua parte, creando sedi stabili per il Teatro dei Pupi. “Sarebbe necessaria – spiega – una sala adatta agli spettacoli per la grande scena. Noi siamo pieni di ragazzi, studenti, turisti che vengono a vedere l’Opera, ma abbiamo solo il mio piccolo teatrino nel centro storico di Palermo. Non è il solito lamento di un artista incompreso: facciamo spettacoli in tutto il mondo ma è mio dovere pensare al futuro di quest’arte. E, invece, sembra che proprio in Sicilia si tenda a sperperare questo patrimonio, piuttosto che difenderlo e valorizzarlo“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.