11 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.27
Palermo

apre al ditirammu la seconda parte della stagione

Teatro: torna in scena “Ciuningam” con Paride Benassai e Maurizio Bologna

17 Settembre 2019

Il teatro Ditirammu di Palermo (via Torremuzza, 6) riapre le porta per la seconda parte del cartellone relativo alla stagione 2019/2020, tra prime produzioni, spettacoli per bambini e gli immancabili Ora vi cuntu.

Si comincia il 27 settembre, ore 21, con Paride Benassai e Maurizio Bologna in “Ciuningam (Chewing-Gum, l’isola dei matti)“.

Benassai Bologna

Uno spettacolo che sin dagli inizi degli anni ottanta, a Palermo, raccolse uno straordinario successo di critica e di pubblico. La prima volta debuttò il 10 novembre del 1981 al Piccolo Teatro di Palermo,  ebbe fortuna e venne replicato per ben 230 volte nella sola città di Palermo; poi anche a Napoli, Messina, Catania.

Un testo che sicuramente appartiene alla memoria storica del teatro di ricerca popolare della nostra città, nato nel segno della continuità con tutto un Teatro Palermitano ricco di storia che dagli anni settanta ha messo in scena la musicalità e lo schiamazzo poetico, ù scrusciu profondo, l’alito di una città complessa.

È uno spettacolo al quale mi lega un filo d’amore fortissimo, la mia infinita e sincera ammirazione per gli ultimi, i matti, gli alcolizzati, gli emarginati, i diversi. Per me sono i veri poeti della vita, gli angeli di Dio celati in vesti che non brillano e non si manifestano. Essi confondono gli animi degli uomini e li innalzano: nel turbinio di idee e parole pagano un prezzo che si chiama amore” ha detto Paride Benassai che lo riporterà in scena, questa volta, con Maurizio Bologna.

Ciuningam è la storia di un insospettato e lucidissimo desiderio di fuga di due matti da un manicomio nella notte di Capodanno, la notte dei fuochi d’artificio. Il manicomio è soltanto metafora del disagio, un luogo che per convenzione, si presta alle fughe oniriche.

Qui Pietro e Nino tentano una fuga alla ricerca di un nuovo inizio, un viaggio che è finzione e realtà follia e ragione: vita e morte.

Repliche il 28, ore 21, e il 29 alle 18.

 

 

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.