13 dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento alle 19.52
La conferenza stampa

Tra passato e futuro. Baccei saluta la Sicilia: “dal 2015 si è cambiata marcia”

21 settembre 2017

Per Alessandro Baccei i numeri parlano chiaro. L’assessore di Crocetta all’Economia ha illustrato, nel corso di una conferenza stampa in assessorato stamani,  il bilancio regionale della Sicilia “ tra passato e  futuro”, mettendo a fuoco i punti, a suoi avviso, più nevralgici e importanti. Un bilancio di mandato, lo definisce. A partire dalle spese correnti che erano maggiori dalle entrate: “Dal 2015 si è cambiata marcia- ha esordito, andando dal 2008, il  governo Lombardo ha chiuso con un miliardo e 400milioni di disavanzo. Noi abbiamo fatto un’operazione ‘pulizia’, le entrate sono sostanzialmente maggiori delle spese e lo saranno anche per i prossimi anni”.

Non si crea secondo Baccei nuovo debito e l’accordo con lo  Stato porta a casa due miliardi di euro in più netti all’anno: “cambiando metodo  e passando dal riscosso al maturato, una differenza che arriva a valere anche sette miliardi. La storia di sessant’anni dei rapporti con lo Stato parla di silenzi da parte dei governi siciliani nel tempo e di ricorsi costantemente persi.”

Se questo lavoro di ricucitura con Roma fosse iniziato per tempo, con tutto quello che di capillare e certosino avrebbe dovuto comportare, oggi la differenza dei sette miliardi euro per la Sicilia, in altre parole sostiene Baccei, non ci sarebbe.

Il  tema del consolidato fiscale e del totale delle tasse maturate in Sicilia è solo uno di quelli che vengono  individuati: “Era più comodo urlare  e stare qui e fare  ricorsi piuttosto che andare  trattare, noi abbiamo portato a casa risorse senza farci dare funzioni che avrebbero vanificato l’effetto di avere soldi in più”

La Sicilia passa di fatto, come è illustrato nel grafico consegnato all’interno del rapporto realizzato dagli uffici, dal gruppo delle meno virtuose a quello delle più efficaci.

Una cavalcata faticosa, un messaggio che non sempre i cittadini, ritiene Baccei, hanno avuto modo di comprendere fino in fondo:”Chi dice che andrà a tagliarlo non so dove andrà a farlo-commenta il tecnico renziano- si parla di conti ridotti all’osso, stipendi e costi essenziali. Dovranno licenziare tutti e  ovviamente non lo farà nessuno”.

Ma, oltre alla riduzione c’è stato spazio nella ristrutturazione dei conti anche per la riqualificazione della spesa. Dai 170 milioni di euro in più per i disabili, al risparmio di 75 milioni di euro della centrale acquisti:”per i fondi europei, ad esempio la sfida è spendere bene e farlo velocemente. Magari si potessero mettere forze nuove di lavoro dentro settori come questo o la programmazione– prosegue-occorre velocizzare la macchina burocratica.  Bisognerebbe inserire le risorse di personale in maniera chirurgica (arrivando magari  a 9mila dipendenti e 450 dirigenti). Il coraggio alla fine paga”

Una enucleazione di numeri e concetti che trova il conforto dei dati illustrati e che prosegue con i  risultati centrati nella sanità con i trasferimenti in cassa nell’anno stesso pari al 95% delle risorse di competenza e con la riduzione dei tempi di pagamento dei fornitori nel settore pari al 60%.

Baccei va via dalla Sicilia soddisfatto: “pronto a tornare, se serve, a lavorare per le istituzioni”, ma rimane la sensazione che la politica, con i suoi colori, anche quelli di’casa’ e i più vicini, lo abbia sempre guardato con curiosità e diffidenza. E non solo per le incomprensioni occasionali “che pure ci sono state, ma è normale” come lui stesso assicura. Quanto piuttosto perché le esigenze del Fare e quelle della politica, spesso sono andate per due strade completamente diverse.

 

 

 

 

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita di Renzo Botindari
Lectio Magistralis
Carissimi, Seduto comodamente in poltrona davanti al mio albero di Natale, luccicante oltre modo, ma molto personalizzato tanto da non sembrare asettico con quei fiocchetti
Il cielo di Paz di Mari Albanese
Me la sono cercata… Se rinascessi vorrei essere donna
Eppure questo pianeta non sembra amarci tanto. Non ci vogliono bene le politiche economiche che continuano a trattarci da “schiave”, il nostro lavoro continua ad essere sottopagato e nelle professioni più spiccatamente “maschili” abbiamo difficoltà ad affermarci.
CapitaleMessina di Gianfranco Salmeri
Troppo tardi, Renzi!
È troppo tardi: l’appeal politico di Renzi è al minimo storico, la sua immagine di “rottamatore” non è più credibile. Adesso è bene che faccia un passo indietro...