21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23
Trapani

Rinviata la ricapitalizzazione di Airgest

Trapani Birgi: crescono i timori sul futuro dell’aeroporto

8 Luglio 2018

Crescono i timori per il futuro dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi, uno dei principali volani dello sviluppo turistico e commerciale di tutto il territorio.

L’assemblea di Airgest, la società che gestisce lo scalo, doveva riunirsi il 5 luglio scorso per approvare il bilancio e procedere alla ricapitalizzazione, ma la convocazione è saltata. La Regione Siciliana, che detiene il 99% delle quote azionarie, ha chiesto un rinvio perché non ha ancora le idee chiare su quale sia la direzione giusta sulla quale virare. Tradotto in parole semplici questo vuol dire che ci sono dubbi sulla linea politica da seguire, nonché sulla disponibilità delle risorse necessarie.

L’approvazione del bilancio e la ricapitalizzazione rappresentano un passaggio decisivo e molto atteso, indispensabile per far uscire lo scalo dalle difficili e pericolose condizioni nelle quali si trova ormai da mesi. Condizioni che rischiano di farlo precipitare definitivamente verso il fallimento. Il progressivo abbandono da parte di Ryanair, in seguito allo stop subito dal bando sul co-marketing, ha determinato una sensibile riduzione dei collegamenti e quindi del traffico, soprattutto di quello in entrata.

Il rinvio dell’assemblea, ovviamente, peggiora le cose. “Questa situazione di stallo, unitamente alla riduzione del numero dei voli e di conseguenza dei passeggeri – dichiara il presidente di Sicindustria Trapani, Gregory Bongiorno crea grande preoccupazione. Se a tutto ciò aggiungiamo che non è ancora definita la gara per l’individuazione del nuovo vettore aereo che dovrà assicurare i voli per le prossime stagioni, è evidente che siamo di fronte a una reale emergenza”. I tempi, infatti, sono così lunghi da compromettere sia la prossima stagione invernale che quella estiva 2019.

Più volte i rappresentanti delle imprese e dei lavoratori, nel corso degli ultimi mesi, hanno lanciato l’allarme sulle ricadute negative che tutto questo avrebbe avuto per l’economia locale. L’avvento del nuovo governo regionale e lo spoil system messo in atto dal nuovo governatore, che ha determinato a febbraio il cambio al vertice dell’Airgest, lasciavano presagire un deciso cambio di rotta che però al momento non c’è stato.

La preoccupazione è stata rilanciata dall’onorevole Baldo Gucciardi, parlamentare regionale del Pd: “Il governo Musumeci – ha detto – si assuma la responsabilità di determinare un disastro nelle attività ricettive e nello sviluppo economico del territorio, poiché evidentemente è questo che si profila essendo compromessa, ormai, anche la stagione 2018”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.