20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 09.34
Palermo

la denuncia del consigliere comunale

Uffici anagrafe di Palermo, Figuccia: “Costano al Comune più di mezzo milione di euro”

31 Maggio 2019

Una storia, quella degli uffici anagrafe, che costano al comune di Palermo, più di mezzo milione di euro, che rischia di coinvolgere l’intera macchina amministrativa”, ad affermarlo Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc, che prosegue: “Sopralluoghi, incontri e audizioni hanno fatto emergere una serie di contraddizioni tutte interne ai vari uffici, con una serie di rimpalli di responsabilità che però, aldilà del ruolo del responsabile della transizione al digitale, sembrano restare in capo al singolo dirigente”.

Da gennaio 2018, cioè dall’ultima rotazione dei dirigenti, pare infatti che vi sia una sorta di stallo, al punto che sembrerebbe che preziose attrezzature fornite dal Ministero, restino ferme in qualche magazzino.

Si tratterebbe  – aggiunge la Figuccia –  in particolare di alcune stampanti per l’emissione delle carte di identità elettroniche. Su queste ultime inoltrerò un’interrogazione al sindaco in modo da comprendere se e a quali finanziamenti il Comune abbia avuto accesso, quali attrezzature siano state fornite dal Ministero e perché eventualmente le stesse non siano ancora state utilizzate“.

Ad oggi ad essere coperti in Sicilia sono 375 Comuni su 390 e grandi Comuni come Catania, Messina e Siracusa lo sono, se entrando nel sito e cliccando su verifica puntuale si inserisce “Palermo” compare la schermata dell’immagine a destra:

Non si può più andare avanti con questa inerzia – conclude Figuccia – che oltre a paralizzare molti uffici, spesso crea anche sacche di sprechi che danneggiano i cittadini e che, in questo caso, contribuiscono a far scivolare la Sicilia fra le Regioni con le più basse percentuali in termini di innovazione e Palermo, fra i pochi comuni, in cui i cittadini non possono ancora avere la carta di identità elettronica“.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.