20 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.05

aveva 48 anni

Uranio impoverito, morto Nuzzi: il carabiniere che proteggeva Falcone e Borsellino

23 Aprile 2019

Non sono state le pallottole della criminalità a fermarlo ma un lento e inesorabile male dovuto all’uranio impoverito. Lui è Daniele Nuzzi, il carabiniere che per anni ha vegliato sulla vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. È morto a 48 anni, era stato in missione di pace in Bosnia dove sarebbe venuto a contatto con la sostanze che lo avrebbero ucciso lentamente.

Tornato in Italia, si è affidato alle cure di un oncologo in grado di curare patologie derivanti da questo genere di “avvelenamento” ma non c’è stato niente da fare.

La sezione di Chiaravalle dell’Associazione nazionale carabinieri, lo ha commemorato con un post nella propria pagina Facebook: “Era stato un angelo a protezione di Ilaria Alpi a Mogadiscio in Somalia, a protezione del giudice Falcone e del giudice Borsellino a Palermo (…) buon viaggio Daniele, possa la terra esserti lieve”.

 

Leggi il post su Facebook in basso:

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Rimembranze in un caldo giorno di luglio

Quando in giornate come queste si perdono o si commemorano personaggi di grande spessore personalmente non mi sento solo per la loro assenza, ma mi sento solo per la mancanza all’orizzonte di personaggi con potenzialità tali da eguagliarne lo spessore.
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.