11 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.09

aveva 48 anni

Uranio impoverito, morto Nuzzi: il carabiniere che proteggeva Falcone e Borsellino

23 Aprile 2019

Non sono state le pallottole della criminalità a fermarlo ma un lento e inesorabile male dovuto all’uranio impoverito. Lui è Daniele Nuzzi, il carabiniere che per anni ha vegliato sulla vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. È morto a 48 anni, era stato in missione di pace in Bosnia dove sarebbe venuto a contatto con la sostanze che lo avrebbero ucciso lentamente.

Tornato in Italia, si è affidato alle cure di un oncologo in grado di curare patologie derivanti da questo genere di “avvelenamento” ma non c’è stato niente da fare.

La sezione di Chiaravalle dell’Associazione nazionale carabinieri, lo ha commemorato con un post nella propria pagina Facebook: “Era stato un angelo a protezione di Ilaria Alpi a Mogadiscio in Somalia, a protezione del giudice Falcone e del giudice Borsellino a Palermo (…) buon viaggio Daniele, possa la terra esserti lieve”.

 

Leggi il post su Facebook in basso:

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.